Cimitero Torre Boldone

Questo è il cimitero di Torre Boldone

Il Comune di Torre Boldone si è scagliato contro 8 dei cipressi dentro al cimitero comunale, definiti “incompatibili” da un funzionario comunale che con questa motivazione ne ha comandato l’abbattimento.

Alberieco.net ha già raccolto e rilanciato le proteste dei cittadini da tempo, raccontando come quei cipressi siano stati volutamente ignorati negli ultimi anni, e come l’idea di tagliarli perchè incompatibili non rispetti, oltre che il buon senso, nemmeno la normativa a cui sono tenuti gli Enti pubblici.

Oggi che è il 2 novembre vogliamo regalare un po’ di attenzione al nostro cimitero. Quell’attenzione che il Comune non gli ha dato, focalizzandosi solo sull’ennesima battaglia contro i nostri alberi e forse distratto dall’attenzione che ogni giorno offre a chi vuole costruire qualcosa sui nostri spazi verdi.

L’esterno

Ricordiamo, prima di entrare a vedere come viene considerato, come era l’esterno del cimitero. Dove il canonico filare di cipressi è stato completamente eliminato dall’amministrazione Sessa.

Ricordiamo che all’esterno, in deroga alle distanze minime, è stata autorizzata la mostruosa torre del Parco Avventura, dalla quale qualcuno si butta urlando improperi e parolacce a pieni polmoni. La torre era stata realizzata a distanza ancora inferiore a quella minima in deroga, tanto che i proprietari sono stati costretti a spostarla. Certo, invece che a tutela delle leggi e del cimitero, il sindaco Sessa-Macario ha condotto la sua battaglia pubblica a favore della torre.

L’interno

All’interno lo spettacolo è quello di totale abbandono ed incuria. Altro che “problema degli alberi”, ad essere “incompatibile” con il cimitero è chi se ne occupa (con i nostri soldi).

Un cantiere aperto da 3 anni, viali incolti, pavimentazioni divelte, barriere architettoniche inesistenti: questo è il benvenuto che viene offerto…

Tutto questo è “compatibile” con il rispetto del luogo, e dei cittadini? Abbattere gli alberi è il vero problema su cui spendere soldi e concentrarsi?

Condividi questa scoperta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *