"mortini" dopo

“Mortini”: sempre peggio e sempre nuove spese

Nuova puntata dell’inutile devastazione del “sentiero dei Mortini” a Torre Boldone. Dopo gli sconsiderati lavori che hanno irrimedialmente alterato il contesto seicentesco del sentiero, dopo le spese aggiuntive stanziate poche settimane dopo per cercare di mitigare alcuni dei danni all’area (6.000 €), siamo ad una nuova costosa puntata di questa brutta serie.

Lo stato attuale

Prima di tutto, come si può verificare, il progetto non solo fa letteralmente acqua da tutte le parti, ma fatica anche a “reggersi in piedi”. La struttura sta infatti già sgretolandosi e lasciandosi andare dopo pochissimo tempo (e nessuna pioggia), come si può ben vedere (ammirando contestualmente la sua inenarrabile bruttezza complessiva).

"mortini" dopo
“mortini” dopo

Questo risultato stride ancora di più con la bellezza del luogo prima che l’amministrazione Sessa-Macario decidesse con tanta insistenza di creare l’ennesima grigia strada al posto del verde di Torre Boldone. Ricordiamoci un’altra volta di cosa era il “sentiero” (quando era tale) grazie a questa foto inedita:

"mortini" come era
“mortini” come era

Le nuove spese

Come detto, alle spese dei lavori si erano già aggiunte spese extra per cercare di mitigare i danni a livello di gestione delle acque piovane. 6.000 euro di attività extra il cui risultato, peraltro, è tutto da verificare visto che da allora non ha mai piovuto.

Ora, con determina del 20 febbraio 2020, altri soldi vengono aggiunti al conto pagato dai cittadini di Torre Boldone. 793€ per “inerbamento della scarpata” (ma non faceva già parte dei lavori iniziali?). Poca cosa, forse (specie per gli amministratori: paghiamo tutti noi). Ulteriore spesa inutile di un intervento tanto non richiesto quanto insensato, sicuramente.

determina_n_47-mortini-altri-soldi

Condividi questa scoperta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *