La collina asfaltata in via monte Ortigara - settembre 2020

La collina sacrificata invano

Come abbiamo già raccontato, il primo giorno di riapertura dopo il lockdown a Torre Boldone ci si è affrettati a mandare le ruspe a devastare la verde collina dietro alla scuola materna, in via monte Ortigara. Un’altra area collinare fino a quel momento risparmiata dal cemento, che è stata irrimediabilmente distrutta con lo scopo di asfaltarla.

Scopo che peraltro è strettamente legato e funzionale a quello di costruire una palazzina pochi metri dietro, laddove era prato.

É servito a qualcosa questo sacrificio?

Indispensabile per permettere alla scuola materna di funzionare l’aveva definita il sindaco Sessa-Rotini. Nonostante la sua scomoda posizione, e nonostante la documentata assenza di problemi di parcheggio all’asilo. E, ovviamente, senza nessuno scrupolo ad asfaltare l’ennesima area verde “del paese del verde” (che fu).

Questo sacrificio è talmente indispensabile che a questo punto, dato che hanno iniziato ad asportare la collina il 4 maggio, e con tutto l’impegno che è stato sbandierato nel garantire la migliore riapertura possibile delle scuole, siamo certi che oggi, a scuola riaperta, il faraonico parcheggio sarà operativo, giusto?

Invece dopo 4 mesi.. tutto fermo. La collina è stata letteralmente asportata nei primi giorni. Il parcheggio invece è ancora di là a venire. Mentre alcuni parcheggi disponibili sulla strada sono stati oltretutto resi inagibili.

Un ottimo esempio di intervento, guidato da quella capacità di coordinare e fare che tanto spesso vediamo all’opera.

Ricordando come era

Giusto per rinfrescare la memoria a chi solitamente viene a rispondere che “lì non c’era verde” o “non c’erano alberi”, ricordiamoci come era quell’area un anno fa, e lasciamo all’immaginazione cosa si sarebbe invece potuto regalare ai bambini della scuola materna….

Parcheggio scuola materna prima
Parcheggio scuola materna prima

Il cancello che non c’è

Quella che è stata realizzata con solerzia, invece, è la nuova strada (non prevista nè autorizzata dal piano di devastazione dell’area) che attraversa la collina poco più a monte. La quale è stata anch’essa realizzata ai primi di maggio, ed è stata nel frattempo completata con un maestoso cancello (verranno a dirci che “è provvisorio”?).

Ora si dispone di un vero e proprio accesso carrale, decisamente imponente, per quella strada che ha sottratto ulteriore verde all’area. L’ennesimo scempio di questo cantiere su cui si continuano a chiudere entrambi gli occhi, come già denunciato da alberieco.net prima al Comune di Torre Boldone (che ha fatto finta di niente), poi con il suo esposto alla Procura di Bergamo.

La collina sacrificata invano 4
Condividi questa scoperta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *