Comuni Ricicloni

Eravamo ricicloni

Una volta Torre Boldone si vantava di essere inserito nella lista dei “Comuni Ricicloni”, vale a dire quei comuni in cui la gestione della raccolta dei rifiuti è efficiente e la quota di riciclo molto alta.

Comuni Ricicloni è una iniziativa di Legambiente, patrocinata dal Ministero per l’Ambiente. Premia le comunità locali, amministratori e cittadini, che hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei rifiuti: raccolte differenziate avviate a riciclaggio, ma anche acquisti di beni, opere e servizi, che abbiano valorizzato i materiali recuperati da raccolta differenziata.

A partecipare sono chiamati i Comuni italiani.

I risultati fallimentari di Sessa-Macario

Ai primi anni 2000 Torre Boldone svettava tra i pochissimi “ricicloni” sia in provincia di Bergamo che addirittura a livello nazionale.

Dopo anni di malagestione del Comune da parte del sindaco Sessa-Macario, possiamo annoverare tra i risultati anche l’uscita di Torre Boldone dalla lista dei Comuni Ricicloni. Possiamo infatti vedere che nel 2021, tra i 21 Comuni bergamaschi premiati, Torre Boldone non compare più:

http://www.ricicloni.it/classifica-comuni/ricerca-avanzata/3/16/2021

Nonostante le abitudini oramai fatte proprie dai cittadini, che difficilmente fanno pensare ad un crollo spontaneo della raccolta differenziata, nonostante l’arretratezza dei farraginosi e costosi meccanismi di accesso alla raccolta dell’indifferenziato, nella lista non ci siamo più. Nonostante le solite ipocrite battaglie sparate qua e là senza un piano da parte dell’ufficio propaganda dell’amministrazione, qualcosa non funziona. Probabilmente più nell’amministrazione che nei cittadini.

Sarà il buon esempio dato dal Comune, che, come abbiamo documentato in una inchiesta, invece che effettuare la differenziata corretta butta tutto nel sacco dell’indifferenziato?

Sarà il non aver investito niente per risolvere il problema di un’area raccolta rifiuti fatiscente, del tutto non funzionale, ed incapace di soddisfare le esigenze dei cittadini?

Sarà il fatto di avere la testa impegnata a coordinare la cementificazione del nostro territorio, l’abbattimento dei nostri alberi, e la crescita costante, quella si, di ville e villette varie?

Sarà la volontà di dedicare l’impegno alla propaganda Facebook invece che a partecipare all’iniziativa che ha fatto sì che l’amministrazione non abbia fatto nemmeno lo sforzo di trasmettere i dati necessari?

Quali sono i motivi, Sindaco? L’unico “miglioramento” apportato in questi anni, d’altronde, è stato un enorme aumento dei costi a carico dei cittadini.

#dimettiti

Condividi questa scoperta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *