Earth Day 2021

Earth Day 2021

Giovedì 22 aprile 2021

La giornata mondiale della Terra venne istituita negli Stati Uniti nel 1970 su proposta del senatore ambientalista Gaylord Nelson per sottolineare l’importanza di acqua e aria pulita in seguito alla fuoriuscita di petrolio che avvenne a Santa Barbara (California) nel 1969.

Ogni anno con questa giornata e con gli eventi connessi si vuole attirare l’attenzione dell’opinione pubblica di tutto il mondo sulle questioni ecologiche che diventano sempre più urgenti se non vogliamo restare indifferenti alla distruzione della nostra “casa comune”, così chiamata da Papa Francesco nell’enciclica ‘Laudato si’. “Casa comune” bellissima similitudine per ricordare a ciascuno che la terra è di TUTTI e che TUTTI devono prendersene cura e non danneggiarla.

Ma la Terra non è solo una casa, è anche colei che ci procura tutto ciò di cui abbiamo bisogno per vivere. Il cambiamento climatico, come ricorda il WWF, sarà la causa di un’estinzione di massa (la 6°, ma la prima causata dall’uomo). 700 specie tra mammiferi ed uccelli subiscono l’impatto negativo per l’effetto-clima, a cui va aggiunta una perdita di biodiversità dal valore inestimabile. Anche la pandemia che stiamo vivendo, quale che sia la causa specifica, è comunque sempre stata provocata dall’uomo.

Ognuno di noi, con le sue azioni grandi e piccole, ha contribuito a questa situazione. Possiamo però compiere delle scelte responsabili che ci permettono di limitare gli impatti negativi del nostro stile di vita.

Energia

Il modo in cui produciamo e consumiamo energia è il principale responsabile dei cambiamenti climatici. Dovremmo perciò risparmiarla quanto possibile, per esempio preferendo per i nostri piccoli spostamenti l’uso della bicicletta e utilizzando il treno anziché l’aereo sulle lunghe distanze. Tenere il riscaldamento in casa più basso anche solo di 1 grado potrebbe, su larga scala, fare una grande differenza. Anche la scelta delle fonti è essenziale, sia nei piccoli usi quotidiani (per esempio evitando di bruciare legna o peggio ancora altri materiali nocivi), sia nel prediligere forniture da fonti rinnovabili.

Essere consumatori consapevoli

Come consumatori, possiamo indirizzarci verso acquisti consapevoli. Non dimentichiamo che il mercato produce ciò che noi chiediamo.

Possiamo perciò promuovere pratiche agricole virtuose acquistando cibo prodotto in modo sostenibile.

Riguardo al vestiario, possiamo preferire le fibre naturali (ogni volta che laviamo un indumento sintetico, nell’acqua si riversano grandi quantità di microplastiche che non vengono intercettate dai sistemi di filtraggio e finiscono per inquinare fiumi e mari).

Possiamo ridurre l’uso di detersivi e prodotti per l’igiene personale e scegliere quelli completamente biodegradabili. Scegliamo imballaggi diversi dalla plastica.

Eliminare gli sprechi

Evitiamo lo spreco in generale (acqua, cibo, suolo, risorse ed energia). Non riempiamoci di cose superflue che destiniamo poi alla discarica.

Da una ricerca pubblicata sulla rivista “Nature”, nell’ultimo secolo la massa di oggetti, edifici, strade, plastica, macchinari prodotti dall’uomo è raddoppiata ogni 20 anni ed ha superato la biomassa vivente (uomo, vegetali, animali). Ricordiamoci che l’impatto ambientale di ogni prodotto non dipende solo dalla quantità di energia e materie prime impiegati per realizzarlo, ma anche da quanto viene mantenuto in uso. E’ indispensabile quindi adottare il motto uso-riuso-riciclo.

Aiutare la natura

Agiamo non solo rispettando la natura, ma sostenendola, per quanto ci è possibile. Un piccolo esempio è quello dei nostri orti e giardini. Qui possiamo riutilizzare l’acqua piovana ed evitare l’uso di pesticidi e fitofarmaci, sostanze dannose per tutti, ma soprattutto per tutti quegli insetti e microrganismi indispensabili agli ecosistemi. Ma possiamo anche agire per rafforzare gli ecosistemi e agevolare i processi naturali. Ad esempio, possiamo ridurre le aree impermeabili, piantare alberi utili agli impollinatori, creare rifugi per gli insetti e per la piccola fauna.

L’elenco sarebbe lungo, lasciamo a voi completarlo.

Pretendiamolo dalla Politica

Naturalmente, è importante che queste nostre singole azioni siano supportate dalle decisioni e dagli interventi dei nostri governi. E’ estremamente importante che noi cittadini teniamo conto anche di questo aspetto quando siamo chiamati a scegliere chi ci governerà, e non ci facciamo abbagliare da false ricette ecologiche.

E soprattutto.. gli Alberi

Far fronte al cambiamento climatico non è certamente cosa facile, ma non dobbiamo dimenticare che la natura stessa ci offre un grande aiuto, degli alleati indispensabili: gli ALBERI.

Gli alberi sono il modo più sicuro ed efficace che la natura ci mette a disposizione per catturare la CO2 in eccesso che abbiamo prodotto.

Come dice lo scienziato Stefano Mancuso, dobbiamo non solo piantare grandi quantità di alberi in tutto il mondo, ma nello stesso tempo avere cura di quelli che già ci sono: dalle grandi foreste, alle aree urbane, al nostro piccolo giardino.

Tempo fa è stato trasmesso un reportage riguardante l’estrazione in Africa di materiali necessari alla costruzione degli smartphone. A tale scopo vengono utilizzati bambini piccolissimi, proprio perché i cunicoli scavati con le mani sono così piccoli che altri non potrebbero passare. Uno sfruttamento incredibile e disumano, alimentato dalla nostra continua richiesta del “modello nuovo”. Un ragazzo che accompagnava il giornalista alla fine della visita gli ha detto: “adesso tu sai, non potrai più dire non lo sapevo”.

Adesso anche noi sappiamo quanto male stiamo facendo alla nostra Terra e a chi vi abita e non possiamo più fare finta di niente.

Non c’è più tempo.

Per approfondire

Earth Day 2021
Earth Day 2021
Condividi questa scoperta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *