Caro Rotini ti scrivo... 1

Caro Rotini ti scrivo…

L’ex assessore Gianni Rotini, di recente cacciato da quella amministrazione comunale a cui tanto ha contribuito (era assessore esterno, non è nemmeno di Torre Boldone, con delega alle devastazioni pubbliche) ha voluto prendere posizione sullo scempio degli alberi al centro sportivo comunale, e sul fatto che anche l’Eco di Bergamo ne abbia parlato. Come sempre cercando di spostare il discorso da una devastazione illegale ad un attacco alle persone:

Caro Rotini ti scrivo... 2

Cogliamo l’occasione per rispondere all’ex colonna portante del “klan che comanda il Comune di Torre”.


Buongiorno Rotini.

La risposta al quesito: “Come mai Alberieco.net si presenta come un gruppo e non un elenco singole persone?” l’ha data proprio lei: la violenza verbale usata dagli amministratori di Torre Boldone, ed ex amministratori epurati come lei (che anche in questo post ci definisce “incompetenti” e “codardi”: grazie mille), ed il clima che il clan Sessa ha instaurato nella nostra comunità rovinandone i rapporti civili, ci ha convinti che necessario focalizzarsi sulla realtà oggettiva di quanto avviene al nostro territorio, e non sulle persone che lo raccontano. Stiamo stanchi di vedere che, di risposta, si ottengono solo post offensivi che attaccano le persone e non le idee (se è stato attaccato un ragazzo tredicenne in modo così squallido come avvenuto per lo scempio del Gardellone, figuriamoci contro degli adulti cosa si scatenerebbe), sollevando volutamente polveroni per nascondere i fatti.

La rassicuriamo del fatto che siamo dei semplici cittadini senza alcuna “entratura” o controllo sui media (quello si saldamente nelle mani di chi con questo ha costruito la narrazione del “paese del verde” dove tutto va a meraviglia). Molto semplicemente L’Eco di Bergamo, come altri giornali locali, si è accorto che a Torre Boldone c’è un crescente malessere e che le denunce di Alberieco.net stanno raccogliendo sempre più consensi. Da da anni denunciamo, con dovizia di prove, ciò che sta accadendo a Torre Boldone (si guardi per una breve sintesi la “mappa del disastro“) in modo che chiunque si voglia documentare sullo stato del verde possa trovare in www.alberieco.net tutto quello che è stato compiuto, e che non sarà dimenticato.

Il fatto che affermi che Alberieco.net sia uguale al “klan che comanda il comune di Torre”, oltre che essere un’affermazione populista, è anche ridicola: se c’è qualcuno che ha un approccio totalmente diverso dall’amministrazione è proprio Alberieco.net! E aggiungiamo: da che pulpito! Fino al giorno prima della sua epurazione lei era membro dell’amministrazione (evidentemente era un “matrimonio di interesse”) e di punto in bianco si mette a contestare i modi dei suoi ex “compagni di merende”?

Le rinnoviamo, con l’occasione, di spiegarci i motivi del suo allontamento e, soprattutto, di condividere con i cittadini quello che “bolle in pentola” sotto a tutto questo.

p.s. come ampiamente documentato l’intervento agli alberi del campo sportivo non solo è stupido nelle modalità e dannoso nei risultati, ma è semplicemente ILLEGALE nella gestione del verde pubblico. Le che “non è incompetente” dovrebbe saperlo. Non l’ha fatto il Comune, all’interno di un’area pubblica comunale? Chi è stato? E perchè?

Condividi questa scoperta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.