Bambini tra immondizia e veleni - l'affare della movida /2 1

Bambini tra immondizia e veleni – l’affare della movida /2

Tra i pochi benefici che i cittadini di Torre Boldone dovrebbero ricevere in cambio dei 35.000 € che il Comune ha versato al Parco Avventura (si: il Comune gli ha pure dato dei soldi nostri) ci sarebbe, nero su bianco nella convenzione sottoscritta e parecchio violata, l’obbligo di predisporre un’area giochi aperta al pubblico, e di mantere pulito ed in ordine lo spazio.

Con l’avvento della movida estiva, anche su questo fronte si possono misurare quelle che sono le vere priorità nella gestione del nostro territorio. Non bastasse una attività commerciale svolta da innumerevoli mesi tramite una struttura abusiva che va abbattuta (respinta nel 2019 la richiesta di sospensiva al TAR), ora lo spazio per i bambini è stato trasformato… nella (tanto attesa, visto che è l’unica cosa che non si riesce a costruire in paese) nuova piazzola ecologica!

Piazzola ecologica

Come si vede dalle foto, letteralmente attorno all’area giochi è stata costruita una vera e propria area di raccolta e trattamento degli innumerevoli rifiuti che l’attività legata alla movida serale produce.

Senza scrupoli nè dubbi, si è lasciata ai cittadini la possibilità di far giocare i bambini in mezzo all’odore dei rifiuti ammassati, con un viavai continuo di persone che con i bidoni maleodoranti attraversano l’area gioco. Per ammassarli peraltro, anche per giorni, pochi metri più lontano.

Questo è il “beneficio” che i soldi pubblici hanno comprato.

“Mi piace l’odore del veleno al mattino…”

Forse per l’impossibilità a fare i trattamenti di sera, vista la nuova attività che “tiene occupato” il parco dove c’era il Cedro Monumentale, le attività di spargimento dei veleni con cui ci si “prende cura” dell’area vengono svolte alle 8.30 del mattino. Poco dopo apre il CRE presso il Parco Avventura stesso, o i normali cittadini sono liberi di “approfittare” dell’area giochi che hanno pagato.

Saranno veleni “che fanno bene” e non provocano danni ai bambini, sicuramente, chi può pensarla diversamente.

Ma a chi fa piacere che i bambini (e non solo loro) vadano a giocare in un’area in cui mezz’ora prima è stato buttato il veleno documentato dalle fotografie?

Probabilmente i nostri assessori sono amici del Colonnello Kilgore

Chi guadagna con la movida

Non resta che reiterare la domanda a cui gli amministratori pubblici fuggono da mesi: chi sta guadagnando con la movida creata al “Parco Avventura“?

Noi abbiamo perso per sempre il Cedro Monumentale, abbattuto illegalmente dal privato ancora impunito.

Noi abbiamo un abuso edilizio che viene lasciato al suo posto nonostante ordinanze di sgombero e sentenze anche del TAR. Una torre da cui sovente si inonda il cimitero di urla, parolacce, e di un sottofondo che per i responsabili è sicuramente consono al rispetto delle persone che lo visitano (memorabile a questo proposito l’interruzione della funzione per i morti causa Covid a causa delle urla volgari provenienti da chi si buttava dalla torre).

E, dulcis in fundo, abbiamo pure pagato 35.000 dei nostri euro a questo privato che sta usando l’area per la sua attività e guadagno.

In cambio.. possiamo portare i bambini a giocare nella nuova piazzola ecologica.

Condividi questa scoperta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *