araberara

Araberara… siamo stati nominati!

Leggiamo sul periodico locale Araberara (solitamente molto generoso nell’elogiare le azioni dell’amministrazione Sessa-Macario, e limitato nelle “notizie” alla pubblicazione dei suoi proclami) che a Torre Boldone esistono anche voci di dissenso, e che una di queste è il gruppo di Alberieco.net!

Ci sono i critici (e gli ipercritici) che, al contrario, contestano quanto viene realizzato (tra questi ci sono gli esponenti del gruppo dei sostenitori degli alberi, particolarmente polemici nei confronti della Giunta Macario e di quella del suo predecessore Claudio Sessa, attuale vicesindaco).

Araberara

Visti i precedenti, la notizia dovrebbe stare in prima pagina. Anzi, le tre notizie.

L’opposizione non esiste

Prima di tutto, fa molto effetto che non siano citate le opposizioni politiche. Purtroppo in effetti queste sono troppo spesso del tutto silenzione, e non possono certo essere identificate come coloro che controbattono alla narrazione continua dei magnifici successi dell’amministrazione.

A Torre Boldone i cittadini criticano sempre più l’amministrazione Sessa-Macario

La seconda notizia è che.. a Torre Boldone esistono voci critiche nei confronti dell’amministrazione. Questa è una novità estrema in un contesto dove pare che i successi del clan Sessa siano stati sempre osannati per la loro indiscussa bontà.

Toh guarda, esiste Alberieco.net ed è molto attivo

La terza notizia è rappresentata dal fatto che, dopo tanti anni e dopo essere stata del tutto ignorata in ogni circostanza, la nostra azione è riconosciuta anche da questa realtà così vicina al clan Sessa. Evidentemente perché diciamo cose che a Torre Boldone moltissimi notano e pensano, e tutto questo sta trovando sempre più sfogo e sta arrivando a tutte le orecchie. Oppure perchè le liti interne al clan stanno arrivando fino a lì…

Chi siamo

Ne approfittiamo per rispondere a diverse persone che si chiedono perché Alberieco.net continua a presentarsi come…. Alberieco.net, e non come un insieme ben identificato di persone.

Sgombriamo subito il campo: non siamo un’organizzazione sovversiva spinta da chissà quali partiti o forze oscure come pensa (o a cui piace pensare) l’amministrazione comunale. Siamo semplicemente un gruppo di cittadini che stanno assistendo, con enorme sofferenza,allo scempio del territorio operato in questi anni minuziosamente dall’amministrazione Sessa-Macario.

Perché non elenchiamo i nostri nomi e cognomi? Prima di tutto ci chiediamo: farebbe la differenza? Alberieco.net racconta e documenta con dovizia di prove la realtà di quanto accade: è importante ragionare sulla realtà, o più della realtà è importante chi la racconta? Noi crediamo che la narrazione non debba soverchiare i fatti, proprio perchè quello è il modo con cui i grandi mistificatori cercano di distrarre la gente raccontando una realtà che non esiste.

In seconda battuta, c’è anche un altro motivo molto semplice. Sono noti i modi autoritari e arroganti di questa Amministrazione: verso le opposizioni nei Consigli Comunali si consumano continue violazioni al regolamento (e non lo diciamo noi o l’afona minoranza: l’ha dichiarato l’ex assessore Rotini….). Verso i propri “adepti” sono state compiuti in questi anni numerosi epurazioni (è noto che chi nella maggioranza esprime opinioni leggermente differenti da quanto prescritto viene espulso).

Sfacciatamente, un nostro giovanissimo concittadino è stato messo in piazza e pubblicamente aggredito per aver osato contestare il piano di devastazione del bosco del Gardellone. Stesso tema, tra i tanti, per cui sono state rivolte minacce ai cittadini contrari.

Alberieco.net è già stato di suo oggetto delle offese, insulti, e pubbliche aggressioni da parte dello zar Sessa e dei suoi adepti.

Noi siamo semplici cittadini, e non è nostro obiettivo essere trascinati nella rissa e sagra degli insulti in cui la comunità di Torre Boldone è stata portata dal “metodo Sessa“, quel modo di fare che ha definito lo stile della vita della comunità in questi anni. Il mondo dei social, che rappresenta l’unico mondo in cui vive l’amministrazione, si nustre ancora più di questo modo di fare, e non è quello il nostro mondo.

Molto semplicemente, stante il clima intimidatorio che il clan Sessa ha instaurato a Torre Boldone, non vogliamo che l’importanza di quanto raccontiamo venga oscurato dalla rissa aizzata contro ler persone.

L’azione di Alberieco è volta a denunciare, con l’obiettività dei fatti e delle prove, ciò che accade continuamente contro il patrimonio verde di Torre Boldone, e si fermerà solamente nel momento in cui sarà radicalmente cambiato l’approccio al territorio. Purtroppo temiamo che questi signori abbiamo intenzione di proseguire esattamente della maniera devastanze con cui hanno fino ad oggi distrutto il futuro del nostro territorio…

Il Comune corre ai ripari [addendum 23/04]

Pochi giorni dopo che Araberara ha accennato, per la prima volta in tanti anni, alle critiche dei cittadini nei confronti dell’amministrazione, allo stesso Araberara è stato dato l’appalto in affidamento diretto, di € 7.000, per la stampa di quel “notiziario” con cui il sindaco periodicamente ci racconta le sue fantasie a spese nostre:

Araberara… siamo stati nominati! 1

Vogliamo pensare che questo editore sulle sue pubblicazioni si occuperà di raccontare quello che succede a Torre Boldone invece che quello che racconta il “klan che comanda il Comune“? A voi l’ottimismo: noi come funziona questa amministrazione l’abbiamo capito da tempo…

Condividi questa scoperta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.